§43 Accessori di Sollevamento
Formiamo professionisti della Sicurezza delle Macchine
Aiutaci a crescere condividendo questo articolo

§43 Accessori di Sollevamento

linee guida direttiva macchine download

Di seguito riportiamo in paragrafo della guida alla applicazione della direttiva macchine e a fianco si trova la traduzione in Italiano. Il testo completo della guida è scaricabile dal sito della commissione europea alla sezione macchine

More...

Guide to application of the Machinery Directive 2006/42/EC - Edition 2.1 – July 2017 (Update of 2nd Edition)

Safety components referred to in Article 1 (1) (c) are defined in Article 2 (c). It should be noted that safety components are also designated by the term ‘machinery’ used in the broad sense – see §33: comments on the first paragraph of Article 2.

The safety function serves to fulfil a protective measure to eliminate or, if not possible, to reduce a risk: this action being either inherent in the design or triggered either automatically, or through intervention by the operator on the safety component (as is the case with an emergency stop device, seat belt or two-hand control device).


Many machinery components are critical for the health and safety of persons. However, purely operational components, by virtue of the fourth indent in Article 2 (c) above, are not considered as safety components. Safety components are components intended by the component manufacturer to be fitted to machinery specifically to fulfil a protective role, in addition to any operational duty. Components placed independently on the market that are intended by the component manufacturer for functions that are both safety and operational functions, or that are intended by the component manufacturer to be used either for safety or for operational functions are to be considered as safety components. For example, a hydraulic valve designed and specified as being capable of performing a safety function as well as normal production use, is a “safety component” where other parts of the definition are met. However, a similar valve where the manufacturer markets it only for normal production use would not be considered a safety component.


The exclusion of low-voltage switchgear and control gear set out in the fifth indent of Article 1 (2) (k) does not apply to electrical safety components – see §68: comments on Article 1 (2) (k).
The last sentence of the definition refers to the list of safety components given in Annex V. Annex V lists categories of safety component that are commonly fitted to machinery. Examination of the list helps to understand the definition of 'safety component'. However, the list is indicative, not limitative. In other words, any component that complies with the definition set out in Article 2 (c) is to be considered as a safety component subject to the Machinery Directive, even if it is not it is included in the list given in Annex V.



If, in future, safety components are identified which are not included in the list given in Annex V, for example, innovative safety components, the Commission can adopt an implementing Decision to update the list, after consulting the Machinery Committee according to the Regulatory procedure with scrutiny – see §116: comments on Article 8 (1) (a), and §147: comments on Article 22 (3). However, this procedure is not a requirement for the item to be considered as a “safety component” as this list is only indicative, this guide includes, at §389, some other items that meet the definition of “safety components” that are not currently on the list in Annex V.



The second indent of the definition set out in Article 2 (c) implies that only safety components independently placed on the market are subject as such to the Machinery Directive. Safety components manufactured by a machinery manufacturer to be incorporated in his own machinery are not subject to the Directive as such, although they must enable the machinery to comply with the relevant essential health and safety requirements. It should be noted that when such a manufacturer supplies safety components as spare parts to replace the original safety components on machinery he has placed on the market, they are not subject to the Machinery Directive – see §48: comments on Article 1 (2) (a).

With respect to the conformity assessment procedure applicable to safety components, it should be noted that certain safety components are listed in Annex IV – see §129 and §130: comments on Article 12, and §388: comments on items 19 to 23 of Annex IV.
Specific guidance on safety fences as a safety component is given in §411.

.


I componenti di sicurezza di cui all'articolo 1, paragrafo 1, lettera c) sono definiti all'articolo 2, lettera c). Va notato che i componenti di sicurezza sono anche designati con il termine "macchinario" usato in senso lato - cfr. §33: commenti sul primo paragrafo dell'articolo 2.

La funzione di sicurezza serve a soddisfare una misura di protezione per eliminare o, se non è possibile, ridurre un rischio: questa azione è inerente al progetto o è innescata automaticamente o mediante l'intervento dell'operatore sul componente di sicurezza (come nel caso con un dispositivo di arresto di emergenza, cintura di sicurezza o dispositivo di comando a due mani).

Molti componenti di macchinari sono fondamentali per la salute e la sicurezza delle persone. Tuttavia, i componenti puramente operativi, in virtù del quarto trattino di cui all'articolo 2, lettera c), non sono considerati componenti di sicurezza. I componenti di sicurezza sono componenti che il produttore dei componenti intende installare su macchine specificamente per svolgere un ruolo protettivo, oltre a qualsiasi dovere operativo. I componenti immessi in modo indipendente sul mercato che sono intesi dal produttore dei componenti per funzioni che sono sia funzioni di sicurezza che operative o che sono destinati dal produttore dei componenti ad essere utilizzati per la sicurezza o per le funzioni operative devono essere considerati come componenti di sicurezza. Ad esempio, una valvola idraulica progettata e specificata come in grado di svolgere una funzione di sicurezza, nonché il normale uso in produzione, è un "componente di sicurezza" in cui sono soddisfatte altre parti della definizione. Tuttavia, una valvola simile in cui il produttore la commercializza solo per un normale uso in produzione non sarebbe considerata un componente di sicurezza.

L'esclusione dei quadri di bassa tensione e degli alimentatori di cui all'articolo 1, paragrafo 2, lettera k), quinto trattino, non si applica ai componenti di sicurezza elettrica - cfr. §68: commenti sull'articolo 1, paragrafo 2, lettera k).
L'ultima frase della definizione si riferisce all'elenco dei componenti di sicurezza di cui all'allegato V. L'allegato V elenca le categorie di componenti di sicurezza che sono comunemente montate sulle macchine. L'esame dell'elenco aiuta a comprendere la definizione di "componente di sicurezza". Tuttavia, l'elenco è indicativo, non limitativo. In altre parole, qualsiasi componente conforme alla definizione di cui all'articolo 2, lettera c), deve essere considerato un componente di sicurezza soggetto alla direttiva macchine, anche se non lo è, è incluso nell'elenco riportato nell'allegato V.

Se, in futuro, vengono identificati componenti di sicurezza che non sono inclusi nell'elenco riportato nell'allegato V, ad esempio componenti di sicurezza innovativi, la Commissione può adottare una decisione di attuazione per aggiornare l'elenco, dopo aver consultato il comitato del macchinario secondo la procedura di regolamentazione con controllo - vedi §116: commenti sull'articolo 8, paragrafo 1, lettera a), e §147: commenti sull'articolo 22, paragrafo 3. Tuttavia, questa procedura non è un requisito per l'articolo da considerare come "componente di sicurezza" in quanto questo elenco è solo indicativo, questa guida include, al § 389, alcuni altri articoli che soddisfano la definizione di "componenti di sicurezza" che non sono attualmente nell'elenco dell'allegato V.

Il secondo trattino della definizione di cui all'articolo 2, lettera c), implica che solo i componenti di sicurezza immessi in modo indipendente sul mercato sono soggetti in quanto tali alla direttiva macchine. I componenti di sicurezza fabbricati da un fabbricante di macchinari per essere incorporati nei propri macchinari non sono soggetti alla Direttiva in quanto tale, sebbene debbano consentire al macchinario di conformarsi ai pertinenti requisiti essenziali di salute e sicurezza. Va notato che quando un tale produttore fornisce componenti di sicurezza come pezzi di ricambio per sostituire i componenti di sicurezza originali sui macchinari che ha immesso sul mercato, questi non sono soggetti alla Direttiva Macchine - vedere §48: commenti sull'articolo 1  2 (a).

Per quanto riguarda la procedura di valutazione della conformità applicabile ai componenti di sicurezza, si noti che alcuni componenti di sicurezza sono elencati nell'allegato IV - vedere §129 e §130: commenti sull'articolo 12 e §388: commenti sui punti da 19 a 23 dell'allegato IV.
Una guida specifica sulle recinzioni di sicurezza come componente di sicurezza è riportata nel § 411.

About the Author Ing. Rigon

CEO di SiCert S.r.l. Esperto in Direttive Europee e Normativa Tecnica per quanto concerne la sicurezza dei macchinari e delle attrezzature di lavoro e Luoghi di Lavoro Marito, Padre e appassionato della cultura e della formazione.

follow me on:

Leave a Comment: