§44 Catene Funi e Cinghie
Formiamo professionisti della Sicurezza delle Macchine
Aiutaci a crescere condividendo questo articolo

§44 Catene Funi e Cinghie

linee guida direttiva macchine download

Di seguito riportiamo in paragrafo della guida alla applicazione della direttiva macchine e a fianco si trova la traduzione in Italiano. Il testo completo della guida è scaricabile dal sito della commissione europea alla sezione macchine

More...

Guide to application of the Machinery Directive 2006/42/EC - Edition 2.1 – July 2017 (Update of 2nd Edition)

Chains, ropes and webbing referred to in Article 1 (1) (e) are defined in Article 2 (e).

The products designated by the terms 'chains, ropes and webbing' are chains, ropes and webbing designed and constructed for incorporation into lifting machinery or lifting accessories for lifting purposes – see §328: comments on section 4.1.1 (a) of Annex I. Chains, ropes or webbing designed for purposes other than lifting are not subject to the Machinery Directive as such. However, chains, ropes or webbing that are designed, constructed and specified by the manufacturer for dual or multiple purposes including lifting purposes are subject to the Directive.
Since chains, ropes and webbing for lifting purposes are among the products designated by the term ‘machinery’ used in the broad sense – see §33: comments on the first paragraph of Article 2 - manufacturers of chains ropes and webbing for lifting purposes must fulfil all of the obligations set out in Article 5 (1) – see §103: comments on Article 5 (1).


It should be noted that the products designated by the terms 'chains, ropes and webbing' are the products placed on the market by the chain, rope or webbing manufacturer in the form of bulk reels, drums, rolls, coils or bundles of chain, rope or webbing. They may be supplied by the chain, rope or webbing manufacturer to distributors, to manufacturers of lifting machinery or lifting accessories, or to users.

The obligations set out in Article 5 (1) apply when the chains, ropes or webbing are first placed on the market. The distributor or user does not become a manufacturer in the sense of the Directive by cutting individual lengths for incorporation into lifting machinery or lifting accessories. Therefore, the obligations set out in Article 5 (1) do not apply again to lengths of chain, rope or webbing cut from the products already placed on the market by the chain, rope or webbing manufacturer. Such lengths are to be considered as components of the lifting machinery or the lifting accessories into which they are incorporated.

However, distributors of chains, ropes and webbing must ensure that the relevant EC Declaration of Conformity, the reference of the certificate setting out the characteristics of the chain, rope or webbing and the manufacturer's instructions are supplied with the cut length of chain, rope or webbing to manufacturers of lifting machinery or lifting accessories or to users – see §83: comments on Article 2 (i), and §357: comments on section 4.3.1 of Annex I.

.


Catene, corde e cinghie di cui all'articolo 1, paragrafo 1, lettera e) sono definite all'articolo 2, lettera e).

I prodotti designati con i termini "catene, funi e cinghie" sono catene, funi e cinghie progettate e costruite per essere incorporate in macchine di sollevamento o accessori di sollevamento a fini di sollevamento - vedere §328: commenti sulla sezione 4.1.1 (a) dell'allegato I Catene, funi o cinghie progettate per scopi diversi dal sollevamento non sono soggette alla Direttiva Macchine in quanto tale. Tuttavia, le catene, le funi o le cinghie progettate, costruite e specificate dal produttore per scopi doppi o multipli, inclusi gli scopi di sollevamento, sono soggette alla Direttiva.
Poiché le catene, le funi e le cinghie a scopo di sollevamento sono tra i prodotti designati dal termine "macchinario" utilizzato in senso lato - cfr. §33: commenti al primo paragrafo dell'articolo 2 - i fabbricanti di cavi e catene a catena a fini di sollevamento devono soddisfare tutti gli obblighi di cui all'articolo 5, paragrafo 1 - cfr. §103: commenti sull'articolo 5, paragrafo 1.

Va notato che i prodotti designati con i termini "catene, funi e cinghie" sono i prodotti immessi sul mercato dal produttore di catene, funi o cinghie sotto forma di bobine, tamburi, rotoli, bobine o mazzi di catene, corda o tessitura. Possono essere forniti dal produttore della catena, della fune o della cinghia ai distributori, ai produttori di macchine di sollevamento o accessori di sollevamento o agli utenti.

Gli obblighi di cui all'articolo 5, paragrafo 1, si applicano alla prima immissione sul mercato di catene, funi o cinghie. Il distributore o l'utente non diventa un produttore ai sensi della direttiva tagliando singole lunghezze per l'incorporazione in macchine di sollevamento o accessori di sollevamento. Pertanto, gli obblighi di cui all'articolo 5, paragrafo 1, non si applicano nuovamente alle lunghezze di catena, fune o cinghia tagliate dai prodotti già immessi sul mercato dal produttore di catene, funi o cinghie. Tali lunghezze devono essere considerate come componenti delle macchine di sollevamento o degli accessori di sollevamento in cui sono incorporate.

Tuttavia, i distributori di catene, funi e cinghie devono garantire che la relativa Dichiarazione di conformità CE, il riferimento del certificato che stabilisce le caratteristiche della catena, della fune o della cinghia e le istruzioni del produttore siano fornite con la lunghezza di taglio della catena, della fune o cinghie ai produttori di macchine di sollevamento o accessori di sollevamento o agli utenti - vedere §83: commenti sull'articolo 2 (i) e §357: commenti sulla sezione 4.3.1 dell'allegato I.

About the Author Ing. Rigon

CEO di SiCert S.r.l. Esperto in Direttive Europee e Normativa Tecnica per quanto concerne la sicurezza dei macchinari e delle attrezzature di lavoro e Luoghi di Lavoro Marito, Padre e appassionato della cultura e della formazione.

follow me on:

Leave a Comment: