§46 Quasi Macchine
Formiamo professionisti della Sicurezza delle Macchine
Aiutaci a crescere condividendo questo articolo

§46 Quasi Macchine

linee guida direttiva macchine download

Di seguito riportiamo in paragrafo della guida alla applicazione della direttiva macchine e a fianco si trova la traduzione in Italiano. Il testo completo della guida è scaricabile dal sito della commissione europea alla sezione macchine

More...

Guide to application of the Machinery Directive 2006/42/EC - Edition 2.1 – July 2017 (Update of 2nd Edition)

Partly completed machinery (PCM) referred to in Article 1 (g) is defined in Article 2 (g). It should be noted that partly completed machinery is not among the products designated by the term 'machinery' used in the broad sense – see §33: comments on the first paragraph of Article 2. Partly completed machinery cannot be considered as interchangeable equipment.

The placing on the market of partly completed machinery is subject to a specific procedure – see §104: comments on Article 5 (2), §131: comments on Article 13, §384 and §385: comments on Annex II 1 B, and comments on Annexes VI and VII.

Partly completed machinery subject to the Machinery Directive is a product intended to form machinery that is in the scope of the Machinery Directive after incorporation.

'An assembly which is almost machinery' means that partly completed machinery is a product that is similar to machinery in the strict sense referred in Article 1 (1) (a), that is to say, an assembly consisting of linked parts or components at least one of which moves, but which lacks some elements necessary to perform its specific application. Partly completed machinery must thus undergo further construction in order to become final machinery that can perform its specific application.

As an example, industrial robots are usually designed without a specific application until incorporated into the final machinery – see Article 2(g) of the Machinery Directive. The manufacturer of the final machinery takes the necessary measures so that the robot can perform its specific application safely within the assembly.
 

In practice, only an industrial “stand and function alone-robot” provided with both an end-effector and control system so that it can itself perform a specific application, is a complete machinery under the Machinery Directive. This further construction is not the fitting of a drive system to machinery supplied without a drive system where the drive system to be fitted is covered by the manufacturer's conformity assessment – see §35: comments on the first indent of Article 2 (a) – or the connection on site or with sources of energy or motion – see §36: comments on the second indent of Article 2 (a).


Partly completed machinery should also be distinguished from machinery ready to be installed on a means of transport or in a building or a structure – see §37: comments on the third indent of Article 2 (a).


Machinery that meets the definition in the first three indents of Article 2(a) so it can in itself operate independently, performing its specific application – see §35: comments on the first indent of Article 2 (a) – but which only lacks the necessary protective means or safety components, such as guards, is not to be considered as partly completed machinery. Such incomplete machinery does not meet the requirements of the Machinery Directive and must not be CE marked and cannot be placed on the EU/EEA market – see §103: comments on Article 5 (1).



Machinery constructed in situ is not to be considered a PCM because on arrival at site it comprises a number of parts which may not be compliant (unless one or more of those parts meet the definition of a PCM, which includes being specifically intended for incorporation). It is still a machinery to which Machinery Directive applies so it must undergo conformity assessment and CE marking before it is first put into service.


Sometimes complete machinery missing some parts is confused with a PCM. If the missing parts are not constitutional parts of the machinery (e.g. a motor as a source of energy) and do not give rise to substantial impact on the safety of that machinery (so must be considered as part of conformity assessment) and the machinery manufacturer’s instructions provide clear information for the installation of the missing parts such that the safety and compliance of the final machinery is guaranteed with the Machinery Directive, then the completion of the machinery can be made later according to those instructions, prior to being put into service for the first time, according to Art 2(a) second indent.


Since partly completed machinery is 'almost machinery', it is to be distinguished from machinery components that are not subject to the Machinery Directive as such – see §35: comments on the first indent of Article 2 (a). Machinery components can usually be integrated into a wide range of categories of machinery with different applications.


The second sentence of the definition of partly completed machinery states:

. . . A drive system is partly completed machinery.

This provision also applies to drive systems ready to be fitted to machinery and not to the individual components of such systems.


For example, an internal combustion engine or a high voltage electric motor placed on the market ready to be fitted, i.e. with the connections necessary for the fitting, to machinery that is subject to the Machinery Directive are to be considered as partly completed machinery. Electric motors that are marketed for a wide variety of uses and hence not specifically designed or equipped for fitting to a particular type of machinery are not partly completed machinery.


It should be noted that most low voltage (50 - 1000 volts a.c. or between 75 and 1500 volts d.c.) electric motors are excluded from the scope of the Machinery Directive and are subject to the Low Voltage Directive 2014/35/EU, unless they are subject to ATEX Directive 2014/34/EU – see §69: comments on Article 1 (2) (k) –, or form part of the drive system discussed above as PCM. It should also be noted that low voltage electric motors for ATEX application are excluded from the LVD. Consequently such motors fall under the scope of the Machinery Directive – see §69: comments on Article 1 (2) (k).


Machinery Directive does not prescribe requirements for PCM manufacturers to meet the EHSRs of Annex I. All EHSRs met by the PCM must be declared on the accompanying Declaration of Incorporation – see §385: comments on Annex II 1 B. PCMs must be accompanied by assembly instructions which should include the essential information to enable safe incorporation, including, where relevant, for the final machine's control system, the relevant data on safety performance/reliability.


Manufacturers of final machinery are advised to check the Declaration of Incorporation, technical specifications and the assembly instructions prior to purchasing, to satisfy themselves that the PCM is suitable for integration into the final machinery.

The Machinery Directive does not apply as such to separate machinery components or subassemblies such as, for example seals, ball-bearings, pulleys, elastic couplings, solenoid valves, hydraulic cylinders, and the like, that do not have a specific application and that are intended to be incorporated into machinery; unless they fulfil one of the other definitions of products, e.g. a safety component, that are in the scope of the Machinery Directive by virtue of Art 2 (b) to (f), or are partly completed machinery as defined by Art. 2(g). The complete machinery incorporating such components must comply with the relevant essential health and safety requirements.

The machinery manufacturer must therefore choose components with adequate specifications and characteristics. Component manufacturers may provide customers with relevant technical documentation to allow such subassemblies and components, to be installed correctly and safely. As these items are not in the scope of the Machinery Directive, the component manufacturers are not required to provide any declarations of conformity or to produce a technical file according to Annex VII or assembly instructions to Annex VI.

.


Le quasi macchine (PCM) di cui all'articolo 1, lettera g) sono definite all'articolo 2, lettera g). Va notato che le macchine parzialmente completate non fanno parte dei prodotti designati dal termine "macchine" utilizzate in senso lato - cfr. §33: commenti al primo paragrafo dell'articolo 2. Le macchine parzialmente completate non possono essere considerate come attrezzature intercambiabili.

L'immissione sul mercato di macchinari parzialmente completati è soggetta a una procedura specifica - vedere §104: commenti sull'articolo 5, paragrafo 2, §131: commenti sull'articolo 13, §384 e §385: commenti sull'allegato II 1 B, e commenti sugli allegati VI e VII.
Le macchine parzialmente completate soggette alla Direttiva Macchine sono prodotti destinati a formare macchine che rientrano nell'ambito di applicazione della Direttiva Macchine dopo l'incorporazione.

"Insiemi che costituiscono  quasi una macchina" significa che una quasi macchina è un prodotto simile al macchinario nel senso stretto di cui all'articolo 1, paragrafo 1, lettera a), vale a dire un assemblaggio costituito da parti o componenti collegati in almeno uno dei quali si muove, ma privo di alcuni elementi necessari per eseguire la sua specifica applicazione. Le quasi macchine devono quindi subire ulteriori costruzioni per diventare macchine finali in grado di eseguire la sua specifica applicazione.

Ad esempio, i robot industriali sono generalmente progettati senza un'applicazione specifica fino a quando non vengono incorporati nella macchina finale - vedere l'articolo 2, lettera g), della direttiva macchine. Il produttore del macchinario finale adotta le misure necessarie affinché il robot possa eseguire la sua specifica applicazione in sicurezza all'interno del gruppo.
 
In pratica, solo un “robot solo stand e funzione” industriale dotato sia di un dispositivo di controllo finale che di un sistema di controllo in modo tale da poter eseguire da solo un'applicazione specifica, è un macchinario completo ai sensi della Direttiva Macchine. Questa ulteriore costruzione non è il montaggio di un sistema di azionamento su macchinari forniti senza un sistema di azionamento in cui il sistema di azionamento da montare è coperto dalla valutazione di conformità del produttore - vedere §35: commenti sul primo trattino dell'articolo 2 (a) - oppure la connessione in loco o con fonti di energia o movimento - vedi §36: commenti sull'articolo 2, lettera a), secondo trattino.

Le quasi macchine dovrebbero anche essere distinte dalle macchine pronte per essere installate su un mezzo di trasporto o in un edificio o una struttura - vedere §37: commenti sull'articolo 2, lettera a), terzo trattino.

Macchinario che soddisfa la definizione di cui ai primi tre trattini dell'articolo 2, lettera a), in modo da poter operare autonomamente, eseguendo la sua applicazione specifica - cfr. §35: commenti sul primo trattino dell'articolo 2, lettera a) - ma che manca solo del i mezzi di protezione necessari o i componenti di sicurezza, come le protezioni, non devono essere considerati come macchine parzialmente completate. Tali macchinari incompleti non soddisfano i requisiti della Direttiva macchine e non devono essere marcati CE e non possono essere immessi sul mercato UE / SEE - vedere §103: commenti sull'articolo 5, paragrafo 1.

Le macchine costruite in sito non devono essere considerate un PCM poiché all'arrivo sul posto comprendono un numero di parti che potrebbero non essere conformi (a meno che una o più di tali parti non soddisfino la definizione di PCM, che comprende anche che sono specificamente destinate all'incorporazione) . È ancora un macchinario al quale si applica la Direttiva Macchine, quindi deve essere sottoposto a valutazione di conformità e marcatura CE prima di essere messo in servizio.

A volte un macchinario completo privo di alcune parti viene confuso con un PCM. Se le parti mancanti non sono parti costituzionali della macchina (ad esempio un motore come fonte di energia) e non danno luogo a un impatto sostanziale sulla sicurezza di tale macchina (quindi devono essere considerate come parte della valutazione di conformità) e del costruttore della macchina le istruzioni forniscono informazioni chiare per l'installazione delle parti mancanti in modo tale che la sicurezza e la conformità della macchina finale siano garantite dalla Direttiva Macchine, quindi il completamento della macchina può essere effettuato in seguito secondo a tali istruzioni, prima di essere messe in servizio per la prima volta, ai sensi dell'articolo 2, lettera a), secondo trattino.

Poiché le macchine parzialmente completate sono "quasi macchine", si devono distinguere dai componenti delle macchine che non sono soggetti alla Direttiva Macchine in quanto tale - vedere §35: commenti sull'articolo 2, lettera a), primo trattino. I componenti di macchinari di solito possono essere integrati in una vasta gamma di categorie di macchinari con diverse applicazioni.

La seconda frase della definizione di macchinario parzialmente completato afferma:

. . . Un sistema di azionamento è una quasi macchina.

Questa disposizione si applica anche ai sistemi di azionamento pronti per essere montati sui macchinari e non ai singoli componenti di tali sistemi.

Ad esempio, un motore a combustione interna o un motore elettrico ad alta tensione immesso sul mercato pronto per essere montato, vale a dire con i collegamenti necessari per il montaggio, a macchine soggette alla Direttiva Macchine devono essere considerati come macchine parzialmente completate. I motori elettrici che sono commercializzati per un'ampia varietà di usi e quindi non specificamente progettati o equipaggiati per il montaggio su un particolare tipo di macchinario non sono parzialmente completati.

Va notato che la maggior parte dei motori elettrici a bassa tensione (50 - 1000 volt ca o tra 75 e 1500 volt cc) sono esclusi dal campo di applicazione della direttiva macchine e sono soggetti alla direttiva bassa tensione 2014/35 / UE, a meno che non siano soggetta alla Direttiva ATEX 2014/34 / UE - vedere §69: commenti sull'articolo 1, paragrafo 2, lettera k), o far parte del sistema di azionamento sopra discusso come PCM. Va anche notato che i motori elettrici a bassa tensione per applicazione ATEX sono esclusi dall'LVD. Di conseguenza tali motori rientrano nel campo di applicazione della Direttiva macchine - vedere §69: commenti sull'articolo 1, paragrafo 2, lettera k).

La Direttiva macchine non prescrive requisiti per i produttori di PCM per soddisfare i requisiti essenziali di sicurezza e salute di cui all'allegato I. Tutti i requisiti essenziali di sicurezza e di conformità rispettati dal PCM devono essere dichiarati nella Dichiarazione di incorporazione allegata - vedere §385: i commenti sull'Allegato II 1 B. I PCM devono essere accompagnati dal montaggio istruzioni che dovrebbero includere le informazioni essenziali per consentire l'incorporazione sicura, inclusi, se del caso, per il sistema di controllo della macchina finale, i dati pertinenti sulle prestazioni / affidabilità di sicurezza.

Si consiglia ai produttori di macchinari finali di verificare la Dichiarazione di incorporazione, le specifiche tecniche e le istruzioni di assemblaggio prima dell'acquisto, per accertarsi che il PCM sia adatto all'integrazione nel macchinario finale.

La Direttiva macchine non si applica in quanto tale a componenti o sottoassiemi di macchine separati quali, ad esempio, guarnizioni, cuscinetti a sfera, pulegge, giunti elastici, elettrovalvole, cilindri idraulici e simili, che non hanno un'applicazione specifica e che sono destinato ad essere incorporato nei macchinari; a meno che non soddisfino una delle altre definizioni di prodotti, ad es. un componente di sicurezza che rientra nel campo di applicazione della Direttiva Macchine ai sensi dell'articolo 2, lettere da b) af), o che sono parzialmente macchine completate come definito dall'art. 2 (g).


Le macchine complete che incorporano tali componenti devono essere conformi ai requisiti essenziali di salute e sicurezza. Il produttore di macchinari deve quindi scegliere componenti con specifiche e caratteristiche adeguate. I produttori di componenti possono fornire ai clienti la documentazione tecnica pertinente per consentire a tali sottoassiemi e componenti di essere installati correttamente e in sicurezza. Poiché questi articoli non rientrano nell'ambito di applicazione della direttiva macchine, i produttori di componenti non sono tenuti a fornire dichiarazioni di conformità o a produrre un fascicolo tecnico secondo l'allegato VII o le istruzioni di assemblaggio dell'allegato VI.

About the Author Ing. Rigon

CEO di SiCert S.r.l. Esperto in Direttive Europee e Normativa Tecnica per quanto concerne la sicurezza dei macchinari e delle attrezzature di lavoro e Luoghi di Lavoro Marito, Padre e appassionato della cultura e della formazione.

follow me on:

Leave a Comment: