Continua a seguirmi su ...

Abbiamo finora parlato di attuatori e comandi dell’interfaccia uomo macchina, i quali rappresentano gli “input” che l’operatore da alla macchina. In taluni casi risulta necessaria che la macchina ci dia un “output”, cioè un segnale di ritorno in conseguenza all’azione che abbiamo compiuto.

Generalmente lo scopo di tale segnale è quello di farci verificare visivamente o acusticamente che l’azione associata all’attuatore sia stata effettivamente eseguita.

Queste segnalazioni sono utili inoltre per indicare lo Stato delle varie parti di una macchina o di un impianto oppure le sue condizioni di funzionamento.

Come abbiamo detto sopra le segnalazioni generalmente sono di tipo acustico o luminoso, talvolta si presentano anche su schermi o display di visualizzazione.

Le segnalazioni luminose avvengono attraverso l’accensione di lampade disposte dietro a delle gemme colorate. Il colore di queste gemme ha significati differenti e sono normati.


Quali sono le norme tecniche da applicare

Le Norme di riferimento per la definizione dei colori da attribuire a pulsanti ed indicatori luminosi sono le seguenti:

  • EN 60073 - CEI 16-3 “Principi fondamentali e di sicurezza per l’interfaccia uomo-macchina, la marcatura e l’identificazione - Principi di codifica per gli indicatori e per gli attuatori” 
  • EN 60204-1 - CEI 44-5 “Sicurezza del macchinario - Equipaggiamento elettrico delle macchine”.

L’impiego del colore e l’uso intermittente delle segnalazioni luminose sono i mezzi più efficaci per richiamare l’attenzione degli addetti, i colori per dare una priorità, mentre le intermittenze per allertare l’operatore. 

Gli indicatori luminosi e i visualizzatori svolgono quindi una funzione di interfaccia fra la macchina e l’operatore e forniscono, tramite il loro colore, informazioni che sono essenzialmente di due tipi:

  1. Segnalazione
  2. Conferma

I colori rosso, giallo, verde e blu sono normalmente utilizzati per attirare l’attenzione dell’operatore o per comunicargli di eseguire una determinata manovra;

I colori blu e bianco sono abitualmente usati (in alcuni casi si può usare anche il colore verde) per convalidare un comando, o una particolare condizione, o per confermare la fine di un periodo di cambiamento o di transizione.

In relazione allo stato della macchina le gemme degli indicatori luminosi devono avere i colori indicati nella Tabella di seguito, a meno che non esistano diversi accordi tra fornitore e utilizzatore.

segnalazioni acustiche e luminose


Il colore ROSSO segnala situazioni di emergenza e viene impiegato per segnalare condizioni pericolose che necessitano di una risposta immediata.

Il colore GIALLO segnale delle situazioni anormali e viene generalmente impiegato per richiamare l’attenzione su delle possibili condizioni critiche imminenti.

Il colore VERDE indica delle situazioni di sicurezza o condizioni normali pertanto sta a indicare che la macchina opera in una condizione sicura oppure può segnalare all’operatore una prestazione a procedere.

Il colore BLU ha significato di obbligatorietà e viene impiegato per segnalare l’operazione che richiede un’azione specifica e obbligatoria dell’operatore.

Il colore BIANCO non ha nessun significato specifico, e può essere utilizzato tutte le volte che la segnalazione che si deve effettuare non ricada nelle convenzioni di colore sopra riportate, oppure quando si ha un dubbio sull’uso dei colori rosso, giallo, verde, o blu.


Attenzione!!!

Ai colori possono essere attribuiti anche significati diversi (Norma Europea EN 60073) quando lo richiede la sicurezza delle persone e dell’ambiente circostante o lo stato dell’equipaggiamento elettrico.

A volte viene dato per scontato che tutti gli addetti ai comandi delle macchine conoscono bene i colori, oppure che i colori sono ben riconoscibili. 

È necessario valutare questa condizione, perché se gli addetti ai comandi delle macchine sono persone che non distinguono per i colori è necessario applicare ulteriori metodi di codifica affinché la segnalazione sia efficace.

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo, questo mi ripaga dell'impegno e del tempo impiegato per realizzarlo
Licenza Creative Commons Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Emanuele Rigon


CEO di SiCert S.r.l. Esperto in Direttive Europee e Normativa Tecnica per quanto concerne la sicurezza dei macchinari e delle attrezzature di lavoro e Luoghi di Lavoro Marito, Padre e appassionato della cultura e della formazione.

CEO di SiCert S.r.l. Esperto in Direttive Europee e Normativa Tecnica per quanto concerne la sicurezza dei macchinari e delle attrezzature di lavoro e Luoghi di Lavoro Marito, Padre e appassionato della cultura e della formazione.

Emanuele Rigon

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}

GRATIS


Come applicare correttamente la Direttiva Macchine 2006 / 42 / CE

PREZZO  GRATIS

  • Explain exactly what your online course is and how it’s the perfect solution
  • Keep it short
  • Designed to teach them how to achieve their goal
__CONFIG_colors_palette__{"active_palette":0,"config":{"colors":{"9bd08":{"name":"Main Accent","parent":-1}},"gradients":[]},"palettes":[{"name":"Default Palette","value":{"colors":{"9bd08":{"val":"rgb(19, 114, 211)"}},"gradients":[]},"original":{"colors":{"9bd08":{"val":"rgb(19, 114, 211)","hsl":{"h":210,"s":0.83,"l":0.45}}},"gradients":[]}}]}__CONFIG_colors_palette__
SCARICA GRATIS ADESSO